L’indennità di frequenza è una prestazione economica che ha l’obiettivo di fornire un sostegno alle famiglie di minori invalidi che devono far fronte ai costi necessari per la frequenza di una scuola, pubblica o privata, o di un centro specializzato per terapie o riabilitazione.
Quando si presenta la domanda di Assegno al Nucleo Familiare (ANF), il reddito derivante dall’indennità di frequenza non va indicato, perché è escluso dalla determinazione del reddito familiare necessario per poter ottenere il diritto all’assegno.
Oltre a questo, ci sono altri redditi che non vengono considerati quando viene valutata la domanda di ANF, per cui non è necessario inserirli nella domanda.

Di seguito la lista:

 gli arretrati di Cig riferiti ad anni precedenti a quello dell’erogazione;

 i T.F.R. comunque denominati e le relative anticipazioni;

 le rendite vitalizie erogate dall’Inail;

 le pensioni di guerra;

 tutte le indennità di accompagnamento (per i ciechi totali e parziali, per gli inabili totali anche minori, per i sordi);

 le indennità di frequenza ai minori;

 l’assegno di accompagnamento erogato dall’Inps ai pensionati di inabilità;

 gli assegni di super invalidità sulle pensioni privilegiate dello Stato;

 le pensioni privilegiate tabellari;

 gli indennizzi previsti per danni causati da vaccinazioni, trasfusioni ed emoderivati (Legge 210/92);

 le maggiorazioni sociali ed i trattamenti di famiglia.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Call Now ButtonChiamaci